Futuro

RIAPERTURE torna per riaprire ancora una volta con la fotografia i luoghi chiusi di Ferrara. Un festival polveroso, in evoluzione, che porta le immagini in spazi della città abbandonati, chiusi da tempo, in fase di restauro: trasformati o in trasformazione.

In due weekend RIAPERTURE riempie Ferrara di storie: nuovi mondi dentro mondi sospesi, per farli ripartire proprio grazie alla fotografia.

29-30-31 marzo e 5-6-7 aprile 2019

La terza edizione vi aspetta dal 29 al 31 marzo e dal 5 al 7 aprile 2019: in programma mostre, workshop, letture portfolio, incontri e tanto altro. Ferrara aprirà alla fotografia luoghi nascosti, dimenticati, segreti. Per finire dietro casa, in giro per il mondo, per perdersi dentro e fuori di sé.

Il tema della terza edizione è ‘Futuro’. Il futuro che germoglia nelle indagini sociali, il potenziale sommerso che la fotografia fa emergere, superando il suo limite, congelare l’istante, per diventare liquida,  in divenire, elettrica. Nuovi sviluppi, promesse da cogliere, indagini per far accadere quello che ancora non è compiuto.

Così come il festival riapre spazi chiusi per mostrare come potrebbero essere, le storie di RIAPERTURE 2019 saranno rivelazioni, anticipazioni, istantanee in movimento, strade già fotografate ma ancora tutte da percorrere.

Displacement

Riaperture Photofestival Ferrara 2019 indaga il futuro, e per iniziare il nostro viaggio siamo partiti da 10 anni fa, per provare a interpretare cosa possa diventare, una città senza corpo e anima. Dopo il terremoto del 6 aprile 2009, L’Aquila ha subito un vero e proprio esodo di massa. La comunità di una città intera è stata polverizzata nei rivoli di periferie inconsistenti: una “New Town” è diventata una “No Town”. ‘Displacement‘ è il progetto di Giovanni Cocco e Caterina Serra dedicato al rapporto tra il centro e le periferie delle città: fotografia e scrittura per un dialogo tra chi guarda e scrive.

Dal 16 marzo al 28 aprile via Mazzini diventa una mostra a cielo aperto, grazie al sostegno di Comune di Ferrara, Commercianti di via Mazzini, Coop Alleanza 3.0 e IBS + Libraccio. ‘Displacement’ sarà infatti installata lungo l’intera via Mazzini, visitabile quindi gratuitamente da ferraresi e turisti. Per rispondere assieme a questa domanda: cosa accade agli abitanti se non hanno più una città?

Workshop con Francesco Cito

La punta dell’iceberg della fotografia è la foto stessa: in superficie si vede lo scatto, ma è sotto l’acqua, in profondità, che l’immagine prende forma, si costruisce, fino ad arrivare all’idea che l’ha concepita. ‘Un’idea dietro la foto’ è il Workshop di Francesco Cito (World Press Photo) per Riaperture Photofestival Ferrara 2019: prenderemo la fotografia e la porteremo finalmente in superficie. Via la tecnica, via la casualità, torniamo a bagnarci della fatica, dello stupore e di tutti i pensieri che ci stanno dietro. È così che nasce un reportage.

Iscrizioni aperte: e fino al 28 febbraio 2019 prezzo specialissimo, qui.

,

'Venezia e le Grandi Navi', a Ferrara le fotografie di Gianni Berengo Gardin

Venezia e le Grandi Navi: fotografie di un futuro già presente, consuetudine feroce di un inquinamento visivo già in atto. Le celebri fotografie di Gianni Berengo Gardin arrivano a Riaperture Photofestival Ferrara 2019 per mostrarci come le…

I luoghi di Riaperture 2019

Scordatevi spazi eterei e perfetti: Riaperture è il festival di fotografia che si muove tra polvere, restauri, lavori in corso. Dove il tempo si è fermato, noi ci portiamo dentro nuove storie di futuro. I luoghi di Riaperture Photofestival…
,

'Displacement', 10 anni dopo il terremoto de L'Aquila

Dopo il terremoto del 6 aprile 2009, L’Aquila ha subito un vero e proprio esodo di massa. La comunità di una città intera è stata polverizzata nei rivoli di periferie inconsistenti: una New Town è diventata una No Town. E perdendo i suoi…

RIAPERTURE Associazione Promozione Sociale – via Ortigara 13, 44121 Ferrara – c.f. 93091260385