Ricordi di Riaperture 2018: un mese fa si stava per chiudere l’ultimo weekend del festival. Uno dei luoghi più sorprendenti della seconda edizione è stata sicuramente la chiesa di San Giuliano: chiusa da anni, angolo prezioso tra piazza Repubblica e piazza Castello. Dentro, un mondo dentro un altro mondo, con le foto di Oleg Oprisco.

Oleg costruisce i suoi scatti da solo, senza l’aiuto di nessun altro. E spesso capitava che fossimo proprio da soli, mentre cercavamo di capire se fossero reali, quegli scatti, se fosse reale, quello scrigno abbandonato in cui ci ritrovavamo, piani spazio temporali che si fondono durante un festival. Anche questo è stato Riaperture.

(foto di Maria Chiara Bonora e Pietro Marino)

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] in collaborazione con Riaperture: la mostra infatti sarà ospitata all’interno della Chiesa di San Giuliano, una delle sede più affascinanti dell’ultima edizione di Riaperture, che riapriremo ancora […]

I commenti sono chiusi.