Le foto di Simone D’Angelo esposte all’ex Ist. Case Popolari sembravano che la luce l’avessero inghiottita. Così rugose, carnose, letteramente ‘fatte’ di luce o di buio, le immagini di “I Must Have Been Blind” erano quasi da toccare come un dipinto ad olio: quando si è stati ciechi, è la mano che guida la visione.

Anche Simone ha raccontato il suo progetto durante Riaperture: una zona post industriale che pensava di conoscere benissimo e di sapere cosa avrebbe trovato. Invece, senza dover inventare nulla, ha inquadrato scenari in cui la natura forse è contaminata, ma mai piegata. E ti costringe a riaprire gli occhi.

foto di Giacomo Stefani