Claudia Gori

Dove
Cavallerizza Caserma ‘Pozzolui del Friuli’
via Scandiana 18, Ferrara
Mappa

Quando
venerdì 29, sabato 30, domenica 31 marzo
venerdì 5, sabato 6, domenica 7 aprile
2019
dalle ore 10.00 alle ore 19.00

Foto

© Claudia Gori

Le sentinelle

Elettrosensibilità in Italia

In seguito alla diffusione della tecnologia wireless, la popolazione mondiale è oggi esposta in modo massiccio e crescente ai campi elettromagnetici ad alta e bassa frequenza emessi da cellulari, cordless, tablet, wifi, ripetitori, antenne.

L’OMS stima che sia più del 3% della popolazione mondiale a soffrire di ipersensibilità ai campi elettromagnetici. L’elettrosensibilità (EHS) è un insieme di sintomi legati alla presenza e vicinanza a questi campi da parte di alcuni soggetti. L’elettrosensibilità è caratterizzata da una vasta varietà di sintomi che coinvolgono il sistema neurologico, nervoso, cardiovascolare e quello respiratorio; tra i più frequenti ci sono cefalee, insonnia, debolezza, deficit di concentrazione, dolori, eruzioni cutanee, disturbi uditivi, visivi e dell’equilibrio, alterazione dell’umore.

I numeri in Italia sono allarmanti, si parla di circa il 4% della popolazione. L’EHS è strettamente correlata alla Sensibilità Chimica Multipla (MCS), una sindrome immunotossica infiammatoria scatenata dall’esposizione ad agenti chimici: circa il 35% delle persone affette da MCS, infatti, sviluppa anche ipersensibilità ai campi elettromagnetici.

Nonostante l’elettrosensibilità non sia una patologia riconosciuta da parte dell’OMS sempre più persone ne soffrono e modificano radicalmente il loro stile di vita ripiegando su rimedi “fai-da-te” per schermarsi dai campi elettromagnetici e su un isolamento forzato come unica via di sollievo da un malessere persistente, sordido e invisibile.

Queste persone sono chiamate sentinelle perché considerati coloro che sentono adesso ciò che potrebbe diventare un fenomeno sempre più diffuso negli anni a venire.

Claudia Gori con il progetto ‘Le sentinelle’ ha vinto il Premio Voglino 2018 come ‘Miglior Portfolio

Bio

Claudia Gori nasce a Prato nel 1986.
Nel 2008 si laurea in Letterature Europee per l’Editoria e la Produzione Culturale all’Università degli studi di Pisa e successivamente si specializza in Editoria e Scrittura (Giornalismo) presso La Sapienza di Roma (2011).
Parallelamente inizia a studiare fotografia a livello professionale presso il Centro Sperimentale di Fotografia Adams di Roma e porta avanti la sua ricerca fotografica su temi personali.
Decide di dedicarsi completamente alla fotografia nel 2012 e frequenta il corso di Photo Journalism e Advanced Visual Storytelling presso la Danish School of Media and Journalism in Danimarca.
Qui si specializza in foto giornalismo e inizia a raccontare storie legate a tematiche sociali e
psicologiche.
Sviluppa un linguaggio fotografico intimista e si avvicina a temi che riguardano sfere diverse, con l’intento di creare, attraverso il mezzo fotografico, un terreno per l’identificazione dei sentimenti. Tra le tematiche affrontate c’è la documentazione territoriale e sociale di piccole comunità, il racconto della disabilità, dell’infanzia e di processi introspettivi personali e universali.
Claudia ha pubblicato le sue immagini e i suoi lavori su portali e magazine di respiro nazionale e internazionale fra cui CNN Photo Blog, R2 La Repubblica, Grazia, The Wall Street Journal, Gup magazine, Donna Moderna, Refinery 29 USA e UK, Feature Shoot.
Ha esibito i suoi lavori in Italia e all’estero.
Nel 2017 è tra i finalisti del Premio Pesaresi e del Sony World Photography Award.
Nel 2018 vince il Premio Voglino e il suo lavoro viene esibito al Cortona on the Move. E’ inoltre tra i finalisti del PH Museum Women Photographers Grant.
Claudia lavora come fotografa free-lance in Italia e all’estero ed è parte di Sedici, un’associazione culturale composta da un gruppo indipendente di fotografi e studiosi nell’ambito delle arti visive che si pone come obiettivo quello di creare e promuovere attività riguardanti la cultura fotografica contemporanea sul territorio di Prato.

www.claudiagori.com