Finalmente possiamo dirlo: la seconda uscita pubblica di Riaperture è stata un successo!

Lo scorso weekend, in concomitanza con il festival di Internazionale a Ferrara, abbiamo infatti mostrato al pubblico il nuovo progetto di Claudia Gori What Water Gave Us, allestita nella “Sala macchine” della Factory Grisù, che si è rivelato essere lo spazio perfetto per una esposizione del genere. Per noi è stato davvero emozionante avere l’opportunità di ospitare le fotografie di una delle artiste più promettenti di tutto il panorama nazionale: l’anno scorso siamo rimasti incantati dal suo progetto The Beautiful War, in mostra nell’ambito del circuito OFF del SIFEST di Savignano, per questo non abbiamo esitato un secondo a contattare Claudia e chiederle di esporre in questi tre giorni, che sono stati solo l’antipasto del nostro evento principale, ovvero il  Riaperture Photo Festival che si terrà  nei giorni 17, 18 e 19 marzo 2017.

Si, perchè le tre giornate appena trascorse sono state anche l’occasione per annunciare pubblicamente l’evento del prossimo marzo, a cui stiamo lavorando da tempo e che vi lascerà – ne siamo certi – a bocca aperta! La notizia ha destato immediatamente la curiosità di chi ci è venuto a visitare e di chi ha letto l’intervista che ci è stata fatta dai ragazzi di Listone Magazine. Noi abbiamo già alcune conferme e molti nomi in ballo di quelli che saranno i nostri ospiti durante il festival con mostre, workshop, letture portfolio e altri eventi come cene e aperitivi coi fotografi, che abbiamo scelto di offrire come ricompensa della nostra raccolta fondi su Produzionidalbasso che partirà tra pochissimi giorni. Sosteneteci!

Tra le fotografie che verranno esposte il  17, 18 e 19 marzo 2017 ci saranno anche quelle di Danilo Garcia Di Meo, giovane fotografo romano che col suo progetto Letizia – Storie di vite mai viste si è aggiudicato numerosi riconoscimenti a livello internazionale e che assieme a Claudia Gori è stato nostro ospite durante i tre giorni di Internazionale.

L’evento principe dello scorso weekend è stato la tavola rotonda sulla funzione della memoria nella fotografia, a cui Claudia Gori, Danilo Garcia Di Meo e Keoma Ambrogio, architetto presso la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici a Ferrara, hanno dato il loro prezioso contributo.  Partendo dal legame tra memoria e fotografia, Claudia ci ha presentato il suo progetto in mostra, in cui la memoria dei luoghi in prossimità del fiume Bisenzio ora abbandonati si intreccia alla memoria di chi ha vissuto i momenti di massimo splendore di quella zona.  Danilo ha quindi illustrato il già citato progetto Letizia – Storie di vite mai viste, riallacciandosi a quello che sarà il tema della prima edizione del Riaperture Photo Festival, ovvero lo scardinamento dei luoghi comuni: ci ha raccontato di come è entrato in contatto con Letizia, una donna affetta da tetraparesi spastica e di come è nato il progetto su di lei. Da un’idea generica di mostrare una storia “nascosta” egli è giunto a mostrare, attraverso le immagini, uno spaccato di vita di una persona ricca di entusiasmo, tanto che una delle critiche più frequenti che gli sono state mosse è che Letizia “ride sempre”. Keoma, ricollegandosi infine al progetto di Claudia Gori ha sottolineato quanto sia importante manutenere strutture in stato di abbandono, in modo da evitare catastrofi come esondazioni dei fiumi che, a differenza dei terremoti, sono prevedibili. Un’ora e mezza di dibattito che ha rapito l’attenzione dei numerosi presenti che hanno partecipato attivamente alla discussione. Merito sicuramente dei nostri ospiti, Claudia e Danilo, due persone che trasudano passione ed entusiasmo e che ci hanno confermato, a noi di Riaperture, quanto l’organizzazione di eventi come questi sia la strada giusta da percorrere. Entrambi saranno presenti al festival del 17, 18 e 19 marzo 2017: restate sintonizzati, perchè ne vedremo delle belle!