Quanti modi conosci di ritrarre il Reale?

La fotografia può essere cruda e nuda come sassi, terra, materia, oppure nitida e impalpabile come idee, artifici, teoria. La prossima edizione del festival di Riaperture ci mette in tasca domande che pesano come pietre, e di cui potremo disfarcene come vogliamo. Reale è la finzione creata dall’artista, ma con le sue mani. Reale è prendere il mondo così com’è, e camminarci dentro. Ad aprile 2018 finiremo molto lontani, o molto vicini: su un’isola, dietro casa, in tutti i posti dove adesso non stiamo guardando.

Riaperture è il festival che porta storie “vere” in luoghi “veri”. Reali. Porta la realtà tra le mani di chi guarda, in posti che esisteranno prima e dopo il festival: riaperti per l’occasione. Quello che vedrai sarà la realtà che non esiste, ma costruita con le mani dell’autore. Oppure la realtà che esiste, nuda e cruda, senza aggiungere nulla di più. Ad aprile 2018 finiremo molto lontani, o molto vicini: su un’isola, dietro casa, in tutti i posti dove adesso non stiamo guardando.

C’è un posto dove niente esiste se non lo fai esistere tu. Da un’altra parte invece non serve inventarsi nulla, perché tutto accade fin troppo. Puoi essere interprete, trascrivere i tuoi sogni sulla terra, o aprire le braccia e lasciarti impigliare dalla realtà. Ad aprile giriamo il mondo per portarvi a Ferrara tutte le versioni possibile del Reale.

Questo è l’anno in cui riportiamo a Ferrara un festival di fotografia, questa volta raddoppiando: due weekend, perché possiate davvero vedere tutto. Più che farci gli auguri, riprendiamo in mano le nostre macchine fotografiche, per non staccarci mai, ovunque siamo, dalla voglia di trovare l’immagine che ci spieghi il Reale.

‘Reale’ è il tema della seconda edizione di Riaperture: http://riaperture.com/festival/il-tema

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento