Futuro

RIAPERTURE torna per riaprire ancora una volta con la fotografia i luoghi chiusi di Ferrara. Un festival polveroso, in evoluzione, che porta le immagini in spazi della città abbandonati, chiusi da tempo, in fase di restauro: trasformati o in trasformazione.

In due weekend RIAPERTURE riempie Ferrara di storie: nuovi mondi dentro mondi sospesi, per farli ripartire proprio grazie alla fotografia.

29-30-31 marzo e 5-6-7 aprile 2019

La terza edizione vi aspetta dal 29 al 31 marzo e dal 5 al 7 aprile 2019: in programma mostre, workshop, letture portfolio, incontri e tanto altro. Ferrara aprirà alla fotografia luoghi nascosti, dimenticati, segreti. Per finire dietro casa, in giro per il mondo, per perdersi dentro e fuori di sé.

Il tema della terza edizione è ‘Futuro’. Il futuro che germoglia nelle indagini sociali, il potenziale sommerso che la fotografia fa emergere, superando il suo limite, congelare l’istante, per diventare liquida,  in divenire, elettrica. Nuovi sviluppi, promesse da cogliere, indagini per far accadere quello che ancora non è compiuto.

Così come il festival riapre spazi chiusi per mostrare come potrebbero essere, le storie di RIAPERTURE 2019 saranno rivelazioni, anticipazioni, istantanee in movimento, strade già fotografate ma ancora tutte da percorrere.

Workshop e Talk con Sara Munari

Sabato 13 e domenica 14 ottobre 2018 due giornate con Sara Munari. La fotografa professionista sarà a Ferrara per un incontro sabato 13 e il workshop ‘Creare con la fotografia’ domenica 14. Info

,

Le storie di Riaperture 2018 rianimano i palazzi chiusi dal terremoto

Dentro Palazzina Cavalieri di Malta c'erano tre stanze. Tre passaggi, ulteriori, stratificati, in cui addentrarsi come dentro le pagine di un libro, i sedimenti di una roccia, il tempo che passa e lascia i segni sui muri. Adiacente al celebre…
,

'Delta', Camilla De Maffei a Palazzo Massari per Riaperture 2018

L'ultima volta che Ferrara aveva visto aperto Palazzo Massari, fu proprio per l'inaugurazione di una mostra fotografica (di Mustafa Sabbagh): poi venne il buio del terremoto, a scuotere la città e i suoi tesori. Ci sono voluti sei lunghissimi…
, ,

Il concorso fotografico di Riaperture 2018

Non era per niente facile: interpretare un tema proposto volutamente in modo tutt'altro che netto, ma anzi, quasi bipolare. Reale, come la realtà da inquadrare così com'è, senza aggiungere nulla. Reale, come la realtà da noi costruita, e…