Futuro

RIAPERTURE torna per riaprire ancora una volta con la fotografia i luoghi chiusi di Ferrara. Un festival polveroso, in evoluzione, che porta le immagini in spazi della città abbandonati, chiusi da tempo, in fase di restauro: trasformati o in trasformazione.

In due weekend RIAPERTURE riempie Ferrara di storie: nuovi mondi dentro mondi sospesi, per farli ripartire proprio grazie alla fotografia.

29-30-31 marzo e 5-6-7 aprile 2019

La terza edizione vi aspetta dal 29 al 31 marzo e dal 5 al 7 aprile 2019: in programma mostre, workshop, letture portfolio, incontri e tanto altro. Ferrara aprirà alla fotografia luoghi nascosti, dimenticati, segreti. Per finire dietro casa, in giro per il mondo, per perdersi dentro e fuori di sé.

Il tema della terza edizione è ‘Futuro’. Il futuro che germoglia nelle indagini sociali, il potenziale sommerso che la fotografia fa emergere, superando il suo limite, congelare l’istante, per diventare liquida,  in divenire, elettrica. Nuovi sviluppi, promesse da cogliere, indagini per far accadere quello che ancora non è compiuto.

Così come il festival riapre spazi chiusi per mostrare come potrebbero essere, le storie di RIAPERTURE 2019 saranno rivelazioni, anticipazioni, istantanee in movimento, strade già fotografate ma ancora tutte da percorrere.

Workshop e Talk con Sara Munari

Sabato 13 e domenica 14 ottobre 2018 due giornate con Sara Munari. La fotografa professionista sarà a Ferrara per un incontro sabato 13 e il workshop ‘Creare con la fotografia’ domenica 14. Info

,

'Triny', Arimasa Fukukawa a Riaperture 2018

Se passate adesso di fronte a Palazzo Prosperi Sacrati, trovate un portone chiuso. È così per buona parte dell'anno, tranne rarissime occasioni, come (guarda caso) Riaperture. Nell'atrio del Palazzo ora ci sono solo cicale e vento, l'estate…
,

'I Would Like You To See Me', Arianna Sanesi a Riaperture 2018

Ricordi di Riaperture 2018. Il progetto di Arianna Sanesi sui femminicidi in Italia, ‘I Would Like You To See Me’, col tempo aveva legami strettissimi: ricordi da tirar fuori con fatica e rispetto, volutamente disposti in fondo a una stanza,…
,

'Autoritratti oggettivi', quando il selfie diventa verità

Se doveste provare a raccontarvi senza metterci la faccia, ma usando gli oggetti della vostra vita, che cosa salterebbe fuori? Domanda mica da niente, quella che Silvia Meneghini ha posto ai ragazzi della scuola media Cosmè Tura di Ferrara,…